Svolta in Arabia: donne avvocato anche in tribunale

Attualmente possono svolgere la loro attività solo in alcuni servizi giudiziari riservati. Nel Paese tutti i giudici sono uomini

Conquiste a piccole passi. In un Paese ancora molto ostile alle donne, un passo avanti potrebbe arrivare dai tribunali. Le donne avvocato in Arabia Saudita potrebbero presto essere autorizzate ad esercitare la professione anche nelle aule di giustizia. Il ministro Mohammed al Issa ha annunciato che il suo dipartimento sta preparando una normativa che consentirebbe alle legali, che attualmente possono svolgere la loro attività solo in alcuni servizi giudiziari riservati alle donne, di occuparsi di cause legate al diritto di famiglia. In particolare le avvocatesse potrebbero rappresentare delle donne in tribunale per cause di divorzio, di affidamento dei figli o di pensioni.
In Arabia Saudita, paese conservatore che applica la sharia con una netta separazione tra uomini e donne, tutti i giudici sono uomini. Inoltre è in corso una riforma della giustizia con la creazione di tribunali specializzati, anche in affari familiari, in cui potranno esercitare anche le donne avvocato. (