Svolta dell’Anp: si fa lo spot sui giornali israeliani

E’ una prima assoluta per l’Autorità nazionale palestinese. Ed è stata apprezzata dal primo ministro uscente Ehud Olmert. Abu Mazen e i suoi hanno comperato un’intera pagina di giornale sui quattro maggiori quotidiani israeliani per fare pubblicità al piano di pace arabo. Si tratta dell’iniziativa saudita, proposta per la prima volta dal sovrano di Riad, re Abdullah, al summit della Lega araba di Beirut. Era il 2002 e per diversi anni a diverse riprese il piano è stato rimesso sul tavolo, valutato dai leader arabi (molti dei quali vorrebbero emendarlo). Il contenuto: terra ai palestinesi in cambio della normalizzazione dei rapporti con Israele. Come racconta la pagina pagata dall’Autorità nazionale: le due bandiere, quella palestinese e quella israeliana, una accanto all’altra, sovrastano l’intero testo dell’iniziativa saudita. Le bandiere di 57 Paesi, nazioni arabe e islamiche (manca soltanto l’Iran) incorniciano il documento.
Hanno detto fonti del governo palestinese che la pubblicità vuole spiegare agli israeliani un testo forse sconosciuto a molti. “57 Stati arabi e Paesi musulmani stringeranno legami diplomatici e normalizzeranno le relazioni con Israele in cambio di un completo accordo di pace”, è scritto. L’iniziativa araba è stata più volte giudicata positiva dal governo israeliano, che attualmente è impegnato in trattative con palestinesi e siriani traverso al Turchia. Ma non è mai stata veramente messa su un tavolo per seri negoziati. A mostrarsi favorevole al testo un attore capace di cambiare le sorti del documento: il presidente eletto americano Barack Obama.