«Tagli a Malpensa: a rischio moda e saldi»

Cattaneo (Regione): «Pronti alla trincea»

Anche l’industria della moda rischia di soffrire il declassamento dell’aeroporto di Malpensa, inevitabile dopo la probabile cessione di Alitalia ad Air France-Klm. Ne è convinto l’assessore comunale alle Attività produttive Tiziana Maiolo, che lancia l’allarme anche riguardo ai saldi. Periodo nel quale, per tradizione, arrivano a Milano migliaia di acquirenti stranieri. «Il primo allarme rosso - spiega l’assessore - riguarda il commercio nella sua versione globale, e in particolare il momento dei saldi che ha visto negli ultimi anni arrivare in città numerosi charter provenienti da tutto il mondo».
Poi c’è il problema della settimana delle sfilate. «Il rischio - continua l’assessore - è che Parigi si mangi Milano e con essa la principale industria italiana, la moda». Meno allarmista è il presidente della Camera della moda, Mario Boselli. «Cerco di essere sereno - dice -, non sono preoccupato perché la piazza di Milano è ineguagliabile. Nessuno ha l’appeal di Milano e della moda italiana».