Tagli alla politica, Di Pietro a Prodi: "Decida se devo lasciare"

Il leader dell’Italia dei valori chiede al premier
di ristrutturare la compagine governativa: "Bisogna ridurre di 6 o 7 il numero dei ministri e
avere al massimo 50-60 sottosegretari. Qualcuno deve avere l’umiltà di iniziare e noi
mettiamo a disposizione le nostre risorse all’interno del governo"

Roma - Il ministro delle Infrastrutture, Antonio Di Pietro, torna a chiedere una riduzione della squadra di governo e mette a disposizione il proprio incarico di ministro. "Serve un messaggio di credibilità, sarebbe un gesto di responsabilità, l’Italia dei valori chiede a Prodi di ristrutturare la compagine governativa, bisogna ridurre di 6 o 7 il numero dei ministri e avere al massimo 50-60 sottosegretari. Qualcuno deve avere l’umiltà di iniziare e noi mettiamo a disposizione le nostre risorse all’interno del governo, e cioè un ministro e due sottosegretari". Ai cronisti che gli domandano se si tratta di un annuncio di dimissioni, Di Pietro nega fermamente e sulla riduzione della squadra governativa aggiunge: "Decide Prodi, se ne ha il coraggio. Io avrei già deciso".