Per la taglia c’è già la fila

A chi andranno i 25 milioni di dollari della taglia posta sul capo di Abu Musab al Zarqawi? I pretendenti sono tanti. Il premier iracheno Nouri al Maliki ha attribuito il merito della soffiata ad alcuni residenti dell'area dove è stato ucciso dalle bombe Usa il leader di al Qaida in Irak. Anche dalla Giordania si afferma di avere dato informazioni decisive per la liquidazione di Zarqawi. Il Dipartimento di Stato, che dovrà pagare materialmente la ricompensa, precisa: «Abbiamo visto notizie che attribuiscono a gente in Giordania o vicine al luogo dell'attacco le informazioni decisive, ma non siamo in grado di confermarle». Certo è che i possibili pretendenti dovranno rassegnarsi a una lunga attesa.