Tagliariol, stoccata d'oro nella spada

Il trevigiano Matteo Tagliariol, all'esordio olimpico, ha vinto la medaglia d'oro
nel torneo di spada individuale battendo il
francese Fabrice Jeannet con il punteggio di 15-9. Dopo 48 anni
l'Italia torna a vincere l'oro olimpico in questa specialità. Le congratulazioni di Berlusconi. <a href="/a.pic1?ID=282434" target="_blank"><strong>Matteo esulta: &quot;E ora l'oro a squadre&quot; </strong></a>

Pechino - E per l'Italia arriva la prima medaglia d'oro. medaglia simbolo dopo le polemiche sul doping perima della partenza per la Cina della nostra squadra di scherma, disciplina "nobile" illuminata ancora una volta da un azzurro. Il trevigiano Matteo Tagliariol, 25 anni, ha vinto la medaglia d'oro nel torneo olimpico di spada maschile individuale battendo in finale il francese Fabrice Jeannet con il punteggio di 15-9. Dopo 48 anni l'Italia torna a vincere l'oro olimpico in questa specialità.
Il bronzo nella spada maschile individuale è andato allo spagnolo Jose Luis Abajo, che nella finale di consolazione ha battuto l'ungherese Gabor Boczko.

Oro all'esordio olimpico Matteo Tagliariol, sorprendente campione olimpico nella spada a Pechino alla sua prima Olimpiade, è nato a Treviso il 7 gennaio di 25 anni fa e dall'età di sei anni tira di scherma, da quando, cioé, è rimasto affascinato da D'Artagnan e dai tre moschettieri. Dal 2002 fa parte del gruppo sportivo dell'aeronautica militare e si allena alla società giardino di Milano. Numero 3 del ranking mondiale nella spada, è dall'anno scorso che è ai vertici della specialità, benché, nel 2007, un infortunio ad un piede lo abbia limitato: solo nono nell'individuale ai mondiali di San Pietroburgo, argento a squadre. Quest'anno, tuttavia, è arrivato il vero salto di qualità con tre successi in coppa del mondo che lo hanno proiettato ai vertici del circus mondiale. E' al suo esordio alle olimpiadi. Di formazione classica, appassionato di arte, Matteo Tagliariol oltre alla scherma è molto appassionato di rugby. Altra sua grande passione è la musica di cui è anche un grande conoscitore e che conserva nei suoi sei i-pod. Si dice non scaramantico, ma porta al braccio alcuni ciondoli e bracciali, regalatigli da persone che gli stanno vicine.

"E' stato come un sogno..." Non so cosa provo in questo momento, è stato come un sogno, non ho sentito praticamente niente. Andavo e basta". Così la neomedaglia d'oro della spada, Matteo Tagliariol, ha commentato a caldo ai microfoni della Rai il successo conquistato a Pechino. "In semifinale ho cambiato arma, ma non è stato un gesto scaramantico - ha concluso l'azzurro - Io le armi le cambio se non vanno. Ho capito cosa non andava e ho trovato il coraggio che non avevo avuto nella parte iniziale dell'incontro. Poi sono andato come un treno".

Berlusconi si complimenta Subito dopo la conquista della medaglia d'oro del giovane Matteo Tagliariol nel torneo di spada, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha immediatamente chiamato il presidente del Coni, Gianni Petrucci, per formulargli le congratulazioni sue personali e dell'intero governo. Lo comunica una nota dell'Ufficio stampa di palazzo Chigi.