Il taglio dei lecci è un caso: «Risponda il Santo Padre»

Ma chi l’avrebbe mai pensato che il Santo Padre dovesse rispondere ad una interrogazione da consiglio comunale? Una persona che il quesito se l’è posto c’è stata. Si tratta del consigliere comunale dell’Italia dei Valori Andrea Proto, animalista e ambientalista da una vita, che si è scagliato contro il taglio dei sedici lecci nell’aiuola di via Diaz, operato qualche settimana fa da Aster per permettere la realizzazione della tribuna dedicata alle televisioni in occasione della Messa che Papa Benedetto XVI celebrerà a Genova.
«Il rispetto per la natura è uno dei cardini che muove ogni Pontefice ed ogni cattolico che ami e rispetti la vita- ha spiegato Proto che ha chiesto immediata spiegazione all’amministrazione comunale sul problema-. Invio questa mia interrogazione anche al Sommo Pontefice, perché sono sicuro che lui non avrebbe voluto il taglio di questi alberi».
Genova attende con ansia la replica del Santo Padre.