Tajani: «Dimezzare le vittime in strada»

«In Europa muoiono per incidenti stradali 40 mila persone all’anno. Il nostro obbiettivo è quello di dimezzare questa cifra terribile entro il 2010». Lo ha promesso il vicepresidente della Commissione Europea e commissario della direzione generale dei trasporti Antonio Tajani, che ieri mattina ha visitato il Parco scuola del traffico all’interno del Parco del Ninfeo all’Eur e ha incontrato i bambini di alcune scuole romane. «Lunedì a Parigi è in programma la giornata europea dedicata alla sicurezza dei trasporti - ha aggiunto Tajani - e sarà un’ ulteriore occasione per ribadire l’importanza della formazione dei giovani all’educazione stradale. Condivido e sostengo fortemente iniziative come questa che offrono la possibilità ai bambini di essere dei buoni automobilisti».
Erano presenti anche il presidente del Municipio XII Pasquale Calzetta, l’assessore alle politiche sociali Gemma Gesualdi, l’amministratore delegato di Eur SpA Mauro Miccio e numerosi consiglieri municipali, oltre al responsabile della Sices (Società Italiana Centri Educazione Stradale) Giancarlo Riposati. Il Parco Scuola Traffico nasce nel 1964 e si propone come finalità principale di preparare e formare l’educazione stradale dei ragazzi dai 4 ai 18 anni che rappresentano i futuri conducenti dei veicoli stradali. I bambini e i ragazzi che frequentano i corsi imparano le norme stradali teoricamente con gli istruttori abilitati mettendole in pratica sul tracciato stradale appositamente creato e crescono associando l’automobile con il rispetto delle regole stradali.