La «talpa» di Madrid farà il tunnel sotto la città?

Un tunnel scavato sotto la città. Quasi trentaquattro chilometri di gallerie capaci di ridurre del 50 per cento il traffico in centro. Miracoli della moderna tecnologia che in Spagna sono diventati realtà. Da un anno e mezzo a Madrid sta lavorando la supertalpa più grande del mondo: Tbm (Tunnel boring machine) la chiamano.
Immaginate un grattacielo di 115 metri con davanti uno scudo rotante del diametro di 15 metri e 20 centimetri. Coricatelo sul fianco e spingetelo sottoterra. Per farlo funzionare servono 19mila kilowatt, quanto quelli utilizzati per una cittadina come Melzo. Ogni giorno (in funzione ventiquattr’ore su ventiquattro per sette giorni alla settimana) può arrivare a divorare 24 metri di «roba». Gesso e arenaria sotto Madrid, arenaria e materiale alluvionale saranno sotto Milano. Terreni simili, anche se non identici, per portar via i quali serviranno 750 camion al giorno. Il progetto è pronto, la «supertalpa» pure. Una grande sfida che un po’ sportivamente potremmo davvero definire un po’ «real».