Tamburi, debutto da star

Piazza Affari è riuscita ieri a chiudere su basi positive, a differenza dell’andamento delle Borse europee, ove i principali mercati hanno accusato correzioni degli indici abbastanza consistenti. Il Mibtel si è rafforzato dello 0,15%, mentre l’S&P Mib ha raddoppiato allo 0,32%. Il listino milanese ha risentito delle notizie societarie pubblicate in questi giorni con le «trimestrali»; tra i bancari ne ha tratto beneficio soprattutto Capitalia, che cresce del 4,3%, seguita da Fineco (più 4,2%). Nei tecnologici nuovo rally di Finmeccanica (più 1%), superata dalla controllata StM (più 3,1%). Bene gli assicurativi, con Generali e la controllata Alleanza che crescono di oltre l’1%; Unipol resiste sui livelli precedenti, in attesa di novità sul fronte dell’Opa su Bnl. Nei telefonici balzo di Seat pagine gialle (più 2,9%), mentre negli alimentari ha ritracciato Parmalat (meno 2,5%) dopo le posizioni assunte nella recente assemblea da alcuni importanti azionisti. Ieri è stato il giorno delle new entry al mercato Expandi di due matricole: Caleffi ha esordito in calo del 3,2% sul prezzo di collocamento, mentre Tamburi, con un balzo del 19% ha chiuso a 2,15 euro rispetto agli 1,8 dell’offerta.