Tangenti a Sanremo: ex assessore Bissolotti rischia quattro anni

Condanne a 4 anni e a 4 anni e 10 mesi di reclusione sono state chieste dal pubblico ministero Antonella Politi, rispettivamente per l’ex assessore al Turismo del Comune di Sanremo, Antonio Bissolotti (Fi) e per l’imprenditore nel campo dello spettacolo, Angelo Esposito, accusati di concorso in corruzione. A quest’ultimo viene contestata anche la truffa. Si chiude così la requisitoria al processo sul presunto giro di tangenti legato al calendario delle manifestazioni del Comune di Sanremo. Secondo l’accusa, Esposito avrebbe versato mazzette all’ex amministratore per ottenere l’inserimento degli eventi da lui organizzati, in calendario e beneficiare così dei relativi contributi. La truffa riguarda, invece, la falsificazione di alcuni rendiconti sulle spese sostenute per gli artisti, mediante la quale Esposito avrebbe potuto percepire maggiori contributi. Nel corso della discussione, il pm ha evidenziato che pur trattandosi di un processo indiziario: «questi indizi - ha detto - sono gravi, precisi e concordanti». Ha poi aggiunto: «indizi consistenti, attendibili e convincenti». I fatti presi in esame risalgono al periodo tra il 1999 e il 2002.