Tango nel monastero delle Clarisse

Marta Cerruti

L’Auditorium dell’antico Monastero rapallino delle Clarisse e l’Abbazia medievale di San Fruttuoso di Camogli. Due ambientazioni estremamente suggestive per due eventi musicali profondamente coinvolgenti.
Questa sera, infatti, i due storici complessi religiosi del Levante Ligure ospiteranno due concerti, entrambi inseriti in rassegne musicali di grande richiamo. A Rapallo nel seicentesco Monastero delle Clarisse, Giampaolo Bandini alla chitarra e Cesare Chiacchiaretta al bandoneòn saranno gli intepreti dello spettacolo «Nubes de Buenos Aires», uno degli ultimi appuntamenti del Festival Internazionale Musica in Villa, organizzato dal circolo culturale Amici di Santa Margherita Ligure e del Tigullio. Il duo eseguirà musiche di Piazzolla, Pujol, Villoldo e Mores, ovvero dei compositori che hanno fatto la storia del tango. Danza nata alla fine del XIX secolo nei sobborghi di una Buenos Aires già all’epoca crogiolo di razze, il tango esprimeva la passione e l’energia ma anche la tristezza e la malinconia di quelle genti sradicate. Un mix di culture ed etnie che, fondendo valzer, habanera e polca, ha creato un nuovo genere musicale. Dopo aver assunto la sua forma classica all’inizio del ’900, il tango subì un’altra rivoluzione ad opera del compositore Astor Piazzolla. Il maestro argentino non solo introdusse elementi musicali innovativi, attingendo in modo particolare dal jazz, ma adottò anche strumenti musicali, quali il flauto, il sassofono e la chitarra elettrica, prima estranei alle melodie del tango. Questa affascinante storia ed i suoi successivi sviluppi moderni saranno ripercorsi dal concerto «Nubes de Buenos Aires», saggio del miglior tango prodotto ma soprattutto omaggio al grande Piazzolla.
Un genere completamente diverso verrà, invece, proposto all’Abbazia di San Fruttuoso di Camogli. Si terrà, infatti, questa sera il concerto di musica barocca inizialmente programmato per sabato 12, posticipato a causa del maltempo. A partire dalle ore 21.15 nel chiostro dell’antico complesso religioso, si esibiranno Gianmaria Bonino e Maxence Larrieu. Il programma dello spettacolo prevede l’esecuzione di alcune sonate di Vivaldi, Leclair e Bach. Un repertorio barocco sapientemente rivisitato dai due interpreti. Larrieu, flautista tra i più capaci del secolo, ha alle spalle un’intensa carriera, cominciata molto presto, quando era appena un ragazzino, e costellata di premi e successi. Bonino, virtuoso del clavicembalo, è un solista affermato, la cui fama mondiale si è consolidata grazie alle numerose collaborazioni con musicisti stranieri ed alla sua presenza nei più noti festival internazionali. Eccezionalmente insieme, i due artisti esprimeranno la loro maestria nella rivisitazione di brani classici. Il pubblico potrà raggiungere l’Abbazia con battelli appositamente predisposti dal Fai, l’associazione culturale promotrice della manifestazione. I vaporetti collegheranno San Fruttuoso con Rapallo, Recco, Portofino, Camogli e Santa Margherita. Il trasporto marittimo è compreso nel biglietto del concerto.