Tante insufficienze nella pagella della giunta Marrazzo

Quasi tutte insufficienze nella «pagella» della giunta Marrazzo che da tre anni governa la Regione Lazio. Il fallimentare bilancio del centrosinistra è stato stilato dal capogruppo di Forza Italia Alfredo Pallone che ha inviato una lettera ai capigruppo e coordinatori del PdL e dell’opposizione per invitarli a una riflessione sull’attività di governo svolta dalla maggioranza.
«Mancano ormai due anni alle prossime consultazioni regionali e ritengo sia venuto il momento di effettuare una profonda riflessione sull’attività di governo fino ad ora svolta dalla maggioranza - scrive Pallone -. Concorderete certamente con me, che il bilancio non può che considerarsi fallimentare, in quanto il centrosinistra non è riuscito a fornire nessuna risposta alle tante richieste del territorio, né è riuscito a porre in essere strategie efficienti ed efficaci per problemi a elevato impatto sociale, quali quello sanitario dove, ad esempio, il piano di rientro del deficit, nonostante i rilievi mossi dai consiglieri di opposizione circa l’efficacia, si è rivelato totalmente fallimentare, tanto che il disavanzo nel 2008 è addirittura aumentato rispetto al 2005». «Allo stesso modo - scrive il presidente del gruppo consiliare di Fi - sono state illusorie le politiche ambientali e totalmente prive di effetti quelle inerenti la gestione dei rifiuti; estremamente lacunosi poi gli interventi strutturali sul territorio che hanno visto le province del Lazio sempre subalterne a logiche romanocentriche, che hanno determinato in questi anni, come effetto, una insufficiente crescita economica delle province stesse rispetto alla capitale».
«Un capitolo a parte - fa notare Pallone - merita la gestione di tutti quegli Enti e Agenzie regionali che, legate evidentemente a culture assessorili, non sono state messe nella condizione di fornire adeguate risposte sul territorio, conformi ai principi per i quali sono state costituite e risultano ormai fuori da ogni controllo. In sintesi, quello che emerge dopo una lucida e ponderata analisi di questi anni di amministrazione del centro sinistra, è un quadro desolante in tutti i settori vitali della nostra regione. È di fondamentale importanza, quindi, da parte nostra utilizzare l’incapacità amministrativa di questa sinistra, e tradurla in una azione politica di forte e incisiva opposizione nei prossimi due anni affinché si possa costituire, con tutti i soggetti politici legati al Popolo delle Libertà, una proposta di governo credibile, alternativa alla sinistra, assolutamente vincente e in grado di essere vicino alle esigenze dei cittadini della Regione. Per questo, ritengo utile organizzare a breve, nei tempi e nei modi che concorderemo, una riunione con i capigruppo e i coordinatori regionali propedeutica alla realizzazione di una grande convention con tutte le forze politiche del Pdl».