Il Tar blocca il bando del Gratta e vinci ma il Tesoro ricorre

Lottomatica è stata protagonista in negativo della giornata borsistica (-5,04% a 13,5 euro) a causa della decisione del Tar del Lazio che ha annullato, accogliendo il ricorso presentato da Sisal, il bando di gara per il rinnovo della concessione delle lotterie istantanee. La decisione comporterà per l’Erario un minore introito di 800 milioni, vale a dire l’una tantum che il Consorzio lotterie nazionali, controllato da Lottomatica, avrebbe dovuto versare in seguito all’aggiudicazione della gara. Il Tesoro infatti ha annunciato che impugnerà la sentenza al Consiglio di Stato. Tuttavia è stato confermato l’aumento di capitale al servizio del Mandatory Exchangeable Bond di Lottomatica.