Tar: Consob dovrà rivedere il prezzo dell’Opa residuale

La Consob dovrà rivedere la sua decisione sul prezzo dell’Opa residuale di Acqua Marcia holding su Acqua Pia Antica Marcia. Lo ha stabilito la prima sezione del Tar del Lazio, accogliendo il ricorso, presentato dalla società immobiliare di Francesco Bellavista Caltagirone, contro la delibera della commissione sulla Borsa del 28 aprile 2005 con cui veniva determinato il prezzo di 0,549 euro ad azione per il 7,35% del capitale ancora sul mercato. Il Tar ha pubblicato ieri il dispositivo della sentenza; per le motivazioni bisognerà attendere almeno un mese. Acqua Marcia Holding si è rivolta al Tar del Lazio per chiedere l’annullamento della delibera con la quale la Consob aveva fissato il prezzo dell’offerta pubblica di acquisto del residuo flottante di Acqua Pia Antica Marcia perché ritiene che si discosti in maniera ingiustificata dai valori effettivi.