Taranto Pm in manette per minacce e concussione

Minacce in ambito politico e a un imprenditore, altre per proteggere un parente, e azioni dirette a garantire l’attività di un bar «completamente abusivo»: sono le accuse, tra cui la concussione, mosse al pm di Taranto, Matteo Di Giorgio, che ieri è finito agli arresti domiciliari nell’ambito di un’inchiesta coordinata dal pm di Potenza, Laura Triassi. I carabinieri hanno notificato al pm anche due divieti di dimora nel comune di Castellaneta (Taranto), dove per motivi politici avrebbe minacciato un consigliere comunale di Castellaneta, costringendolo a lle dimissioni.