Tariffe in calo da aprile: -8% il gas, -3% la luce

In arrivo forti risparmi per le bollette di luce e gas: complice il forte calo del prezzo del petrolio, dal primo aprile prossimo, le tariffe dovrebbero registrare un ribasso dell’8,1 per il metano e del 3,1% per l’elettricità. E' quanto prevedono le stima di Nomisma energia, si tratterebbe di un risparmio di 104 euro all'anno per ogni famiglia<br />

Roma - In arrivo forti risparmi per le bollette di luce e gas: complice il forte calo del prezzo del petrolio, dal primo aprile prossimo, le tariffe dovrebbero registrare un ribasso dell’8,1 per il metano e del 3,1% per l’elettricità. È quanto prevede Nomisma Energia stimando un risparmio complessivo di 104 euro l’anno a famiglia. Se le stime saranno confermate dall’aggiornamento trimestrale - atteso dall’Authority per l’energia entro marzo - per il gas la minor spesa sarà di circa 90 euro l’anno a famiglia mentre per la luce si attesterà a 14,6 euro.

L’ultima parola sull’andamento delle bollette elettriche per il prossimo trimestre aprile-giugno spetta comunque all’Authority per l’energia che, entro fine marzo, dovrà rendere noto l’aggiornamento. Dal primo aprile prossimo e per il secondo trimestre 2009 - spiega all’Ansa Davide Tabarelli, esperto tariffario di Nomisma Energia - le tariffe elettriche sono attese registrare un calo del 3,1%. Una riduzione che, per una famiglia tipo con 225 chilowattora consumati in un mese ed una potenza impegnata di 3 chilowatt, si tradurrebbe - sottolinea - in una minor spesa annua di 14,6 euro su base annua con il costo del chilowattora in calo di 0,5 cent a 16,6 centesimi.

Sul fronte del gas, invece, l’attesa diminuzione è molto più consistente e si aggira sull’ 8,1% per cento. Vale a dire un risparmio del costo del metro cubo che, per la stessa famiglia tipo (con consumi pari a 1.400 metri cubi di metano l’anno) si tradurrebbe, sempre su base annua, in 89,7 euro. Un metro cubo di metano costerà cioè 6,4 centesimi in meno, a 72,9 cent.

La spesa complessiva degli italiani per le bollette della luce e del gas potrebbe così scendere di ben 104,3 euro su base annua rispetto ai livelli attuali, spiega Tabarelli. Il calo si andrebbe ad aggiungere a quello, seppur più limitato, già scattato nel primo trimestre 2009 quando - dopo 5 trimestri di forti aumenti - le tariffe sono tornate a calare, spinte dal ripiegamento delle quotazioni dell’oro nero.

Per quanto riguarda l’elettricità le stime si basano sull’andamento dei prezzi di Borsa e dei costi per l’acquisto del gas, principale fonte per la produzione elettrica, mentre per il metano le previsioni sono elaborate in base agli «automatismi tariffari legati a greggio e prodotti petroliferi». Nel prossimo trimestre le bollette inizieranno così a risentire del calo delle quotazioni internazionali del petrolio negli ultimi mesi: calo che ha visto il prezzo del barile scendere dal picco storico di quasi 150 dollari dell’estate scorsa ai circa 44 dollari attuali.