Tartassati Ai liguri il «primato» dell’Irpef

Cittadini liguri tartassati più di tutti gli altri. In media, infatti, il prelievo Irpef nei nostri comuni arriva a sfiorare i 100 euro, mentre nel Lazio sono 90 euro.
A calcolare l’impatto pro-capite dell’addizionale comunale Irpef è l’Ancot, associazione nazionale dei consulenti tributari che ha elaborato i dati del ministero dell’Economia e i contenuti del rapporto «La manovra finanziaria dei Comuni» dell’Ifel, l’Istituto per la Finanze e l’Economia locale (Anci). «Non stupisce la notizia che i Comuni liguri tartassino i propri cittadini con l'Irpef più alta d’Italia», è il commento del deputato Roberto Cassinelli. «In base a questa ricerca - continua Cassinelli - è possibile verificare che la nostra Regione è quella che esige il maggior numero di tributi dai propri cittadini con 99,49 euro a testa. Seguita da altre due regioni rosse, Lazio e Marche. Questa notizia mi rattrista perché desidererei per la nostra Regione ben altri primati come quelli della produttività, del successo turistico ed imprenditoriale. Ma non mi stupisce quando ricordo da chi sono governati la maggior parte dei Comuni, delle Province e la nostra Regione. È la sinistra delle tasse che, cacciata dai Cittadini dal governo del Paese, rientra dalla finestra delle amministrazioni locali. Per fortuna il Pdl è già pronto ad essere forza di governo. Nel 2009 ci aspettiamo una ampia fiducia alle elezioni europee per poi riprendere le chiavi della Regione nel 2010».