Tarzan scatena una giungla di polemiche

«Non vogliamo l’accordo con l’Udc ci fa cag(...), come si può pretendere di battere la destra facendo queste alleanze?». Andrea Alzetta, alias Tarzan, uno dei leader di Action, supervotato dalla Sinistra arcobaleno alleata di Rutelli, dà fuoco alle polveri della polemica durante una conferenza stampa. «Per battere la destra - aggiunge - Rutelli deve dare segnali chiari, contrapporsi alle loro parole d’ordine che chiedono “galera per tutti” e vogliono Action fuorilegge. La città vuole parole chiare sul diritto all’abitazione, le occupazioni non si toccano, nessuno deve essere messo in mezzo alla strada». «Non è in dubbio il nostro appoggio alla coalizione democratica di centrosinistra - precisa Fabio Galati della presidenza di Action - ma basta con i valori buonisti di Veltroni, non si possono intitolare strade per sdoganare una certa parte politica e tollerare occupazioni fasciste e naziste per accontentare tutti».
Chiamato in causa quasi direttamente, il candidato sindaco dell’Udc Luciano Ciocchetti risponde per le rime: «Alzetta, intanto, dovrebbe imparare l’educazione e il rispetto» e «rappresenta quella sinistra radicale che è il contrario di quello che noi pensiamo della politica». Anche perché - conclude Ciocchetti - «è uno dei motivi per cui trovare un accordo con Rutelli è difficile».
Nel PdL repliche a valanga. Comincia il senatore Andrea Augello: «Non so come gli amici dell’Udc replicheranno alle dichiarazioni di questo gentiluomo che si fa chiamare Tarzan e si propone come una solida stampella per un’improbabile vittoria di Francesco Rutelli. Non mi stupisce il linguaggio del personaggio, nel quale il ricorso alla metafora lassativa deve essere considerato come la punta di iceberg di una ben più solenne ignoranza personale e collettiva. Del resto Tarzan è pur sempre espressione di un più ampio bestiario cresciuto nelle giungla dei centri sociali. Il problema di fondo è che Rutelli con giovanotti di tal fatta presume di poter governare Roma. Una prospettiva che non dovrebbe allarmare solo l’Udc ma tutti i cittadini romani». «Leggiamo le incredibili e volgari dichiarazioni di Andrea Tarzan Alzetta - fa notare l’europarlamentare Antonio Tajani - a questo punto è impossibile che alcun moderato voti per Rutelli». «Ci siamo spesso domandati - rincara la dose il senatore Maurizio Gasparri - in queste settimane di campagna elettorale, se Rutelli sapesse ciò che “Tarzan” Alzetta faceva o diceva. Ci riferivamo all’occupazione abusiva di case a fronte di una granitica fermezza del candidato sindaco della sinistra su questo tema. Idem dicasi per i termovalorizzatori o i campi nomadi. La domanda rimane ma diviene più inquietante: il più votato di Rifondazione comunista ha appena rilasciato una signorile dichiarazione sull’Udc e i suoi elettori affermando che, testuale, “fanno cag...”. Rutelli, Bettini, Veltroni - che oggi (ieri, ndr) ha incontrato Casini - sanno con chi sono alleati? I moderati sono avvisati: questa è la sinistra di Rutelli». «Dopo le parole di Tarzan, chi ama Roma ha il dovere di dire basta a questo tipo di politica assolutamente volgare» conclude Luigi Camilloni, presidente dell’Osservatorio Sociale.