Il Tas ultima speranza per i fratelli Sibello «Meritiamo il bronzo»

Il comitato olimpico spagnolo ha deciso di ricorrere al Tas contro la decisione presa ieri dalla giuria di Pechino di omologare il risultato della Medal Race della classe 49er di vela, assegnando l’oro alla Danimarca, l’argento alla Spagna e il bronzo alla Germania. Per i fratelli Gianfranco e Pietro Sibello, giunti quarti, resta dunque una piccola speranza di conquistare il podio. Il risultato della regata era rimasto sub iudice sino a ieri in seguito ai ricorsi presentati dal comitato di regata e dall’equipaggio spagnolo. Nettamente al comando prima della Medal Race di domenica, i danesi avevano iniziato la mattinata con un disalberamento che ne rendeva impossibile la partecipazione all’ultima competizione, decisiva. Il colpo di scena poco dopo che le altre imbarcazioni avevano tagliato la linea di partenza: Warrer e Ibsen avevano preso il via con la barca messa a disposizione dai croati, non qualificati per la medal race. «Siamo ancora increduli e scioccati dal modo in cui abbiamo perso una medaglia che sentivamo già nostra - dice Pietro Sibello -, le regole vanno rispettate. Per quanto ci riguarda non abbiamo alcun rimpianto, sentiamo di aver fatto tutto il possibile. Non ci aspettiamo miracoli».