Tasse sulla casa Assoedilizia: «Cedolare secca anche ai negozi»

La riforma dei tributi che gravano sugli immobili va bene, ma non basta. La cosiddetta cedolare secca sugli affitti «non esaurisce il problema casa in Italia». É questa l’analisi di Assoedilizia, l’associazione che riunisce i proprietari di immobili. È il presidente Achille Colombo Clerici a spiegare cosa manca ancora alla rivoluzione introdotta con la tassazione fissa al 20%: la cedolare secca non dovrebbe essere introdotta solo per gli appartamenti, ma anche per i canoni di locazione di negozi, uffici e botteghe, e per gli usi diversi dall’abitativo.
La logica della cedolare secca, fa notare Colombo Clerici, «è duplice: alleggerire la pressione fiscale sulle persone fisiche che locano abitazioni per favorire l’emersione del sommerso, e mobilitare i comuni nella lotta all’evasione fiscale nel settore. Ma - prosegue - rimane scoperto il grande problema del rilancio dell’investimento nella locazione immobiliare. La cedolare secca infatti, come imposta sostitutiva dell’Irpef, riguarda solo i redditi delle persone fisiche e non anche quelli delle società. Inoltre non si applica se non alle locazioni abitative; escluse cioè le locazioni di negozi, uffici, botteghe artigiane, magazzini, laboratori, garage. Ha una portata limitata e non può essere che il primo passo di una manovra di revisione complessiva della fiscalità immobiliare che porti a un alleggerimento della pressione tributaria sugli immobili in locazione».
«È dunque opportuno - per i proprietari di immobili - che il governo ponga mente a una razionalizzazione della tassazione delle società equiparandole ai fondi di investimento immobiliare e alle Sgr. La cedolare secca sostitutiva dell’Irpef - conclude il presidente di Assoedilizia - va inoltre estesa ai redditi derivanti dalle locazioni a uso diverso dall’abitativo, anche per favorire un calmieramento degli affitti del settore». Secondo Colombo Clerici si pone anche un problema di equità: «É ingiusto ad esempio - dice - che per i redditi delle società immobiliari di gestione sia prevista una doppia tassazione: una in capo alla società e l’altra in capo ai soci».