Tasse, vizio della sinistra

Dopo gli «strappatori» ed i «pittori» dei manifesti elettorali, naturalmente unidirezionali come il maestrale dal Rodano alla Sardegna, ho visto che un manifesto del comitato Scienza e Vita («Scegli di non votare») a bordo di un piccolo autocarro con struttura per pubblicità, dopo giorni di movimento lungo le strade si è come liquefatto sul pianale dell’autocarro, forse per un’autocombustione, come per i boschi!
Ora si vede che o si fa la pubblicità per il Si oppure si rischia l’oscuramento da parte dei soliti: ieri «pittori», l’altroieri «strappatori di manifesti» ed oggi novelli piromani! Poiché ognuno è libero di fare la pubblicità e la propaganda che ritiene in linea con le proprie idee, sarebbe necessario da parte di tutti i soggetti coinvolti sia nel referendum sia da parte dei partiti politici una voce di condanna verso tali comportamenti dove la manovalanza fa l’hardware... ma altri hanno già preconfezionato il pacchetto-software.
Quando cambieranno certi comportamenti di poco rispetto verso le posizioni altrui? Ci vorrà molto tempo finché c’è qualcuno convinto di possedere la verità politica come gli Imam pensano di possedere la verità religiosa e che vengono sempre e comunque scusati da troppi cattolici «democratici» che prima si fanno mettere il collare e poi se abbaiano troppo pigliano pure delle legnate! Ben gli sta!
Saluti