TASSI/1 La Fed affila le forbici: atteso un taglio dello 0,75 per cento

La Riserva federale Usa si prepara a ridurre ancora una volta il costo del denaro nel tentativo di alleggerire l'impatto della recessione

Fed Funds allo «zero virgola». La Riserva federale Usa si prepara a ridurre ancora una volta il costo del denaro nel tentativo di alleggerire l'impatto della recessione, la crisi peggiore dagli anni Trenta. Dallo scoppio della crisi dei mutui subprime la Fed ha ridotto i tassi nove volte e dopo averli portati a fine ottobre all'1% ora si prepara a scendere sotto quella soglia, forse con un megataglio da tre quarti di punto. Intanto si prepara a reagire alla crisi anche l'Opec, che per sostenere il prezzo del barile ridurrà la produzione. La decisione sarà presa mercoledì in una riunione a Orano, in Algeria.

Un'indicazione precisa su quello che si aspetta il mercato viene dai future sui Fed Funds, il tasso di riferimento nel mercato interbancario della Riserva federale, che interviene per far sì che i tassi reali si orientino verso quel livello. I future danno appunto l'indicazione per un taglio di 0,75 punti base, che farebbe scendere il tasso sui Fed Funds allo 0,25%. Molti analisti non escludono però che la riduzione possa essere minore e fermarsi a mezzo punto, lasciando i Fed Funds allo 0,50%.

La riunione del Fomc della Riserva Federale comincia oggi e l'annuncio sui tassi arriverà domani sera, alle 20.15 italiane.