Tassista rapinato da un pregiudicato uscito grazie all’indulto

Il bandito, che ha puntato un coltello alla gola dell’autista, è stato subito arrestato

Un pregiudicato romano di 35 anni, scarcerato nel mese di agosto dello scorso anno grazie all’indulto, è stato arrestato dai carabinieri della stazione Roma Bravetta con l’accusa di rapina. L’uomo, dopo essere salito a bordo di un taxi in via Isacco Newton, ha improvvisamente estratto un coltello, lo ha puntato alla gola del conducente e si è fatto consegnare un telefono cellulare e il portafogli, dandosi poi alla fuga. Grazie alle indagini dei carabinieri, allertati dal tassista, il malvivente è stato identificato e bloccato nel giro di poche ore in via Bravetta. La perquisizione personale ha permesso di recuperare tutta la refurtiva che è stata riconsegnata al legittimo proprietario.
Il vicepresidente del consiglio comunale di Roma, Vincenzo Piso (An), espirime solidarietà al tassista e si chiede «perché alla sacrosanta solidarietà espressa ieri (martedì, ndr) dai vertici capitolini nei confronti del fotografo malmenato, non corrispondano altrettante doverose e partecipate espressioni, da parte degli stessi, nei confronti del tassista, vittima di un episodio di violenza praticamente simile».