Tassista venezuelano trasportava 15 chili di cocaina

Tassista a Caracas, trafficante di droga fuori dai confini nazionali. Nuovo arresto ieri all’aeroporto di Fiumicino, protagonista ancora una volta un cittadino venezuelano che trasportava cocaina. Ad essere fermato, dalla Guardia di finanza in collaborazione con i funzionari del servizio Antifrode della Dogana, C.L.E., tassista appena sceso da un volo proveniente da Caracas. È stato trovato in possesso di 15 chilogrammi di cocaina purissima dai quali, secondo gli investigatori, si sarebbero potuti ricavare 70 chilogrammi di dosi per un valore commerciale di 7 milioni di euro. Prima di essere fermato il giovane, fisico atletico e un bel sorriso stampato sul viso, ha cercato di eludere la sorveglianza. Ha lasciato che tutti gli altri passeggeri superassero i controlli e quando è arrivato il suo turno ha spiccato un salto nel tentativo di superare la barriera senza, però, lasciare la presa sul pesante borsone che portava con sé. Ma il tentativo di fuga non è andato a buon fine e così il tassista-trafficante è stato fermato dai Baschi verdi dell’antiterrorismo della Guardia di finanza di Fiumicino e accompagnato negli uffici del servizio Antifrode. Qui la scoperta del carico di cocaina. C.L.E. è stato quindi trasportato nel carcere di Civitavecchia con l’accusa di traffico internazionale di sostanze stupefacenti e rimane a disposizione della Procura della Repubblica.
Quello di ieri è il terzo sequestro di droga in due mesi che vede protagonisti trafficanti provenienti dal Venezuela. Gli altri due sono stati effettuati lo scorso 25 agosto e il 6 settembre. Nel primo caso un uomo di 75 anni, proveniente da Caracas e diretto a Bruxelles, era stato fermato e trovato in possesso di cinque chilogrammi di cocaina purissima. Il 6 settembre era stata la volta di un altro aitante giovane, un poliziotto di 35 anni di origini australiane ma proveniente dal Venezuela. La Guardia di finanza aveva scoperto, ben nascosti nella sua valigia, dieci chili di cocaina diretti a Istanbul.