Tav, 671 milioni dall’Unione Europea per la Torino-Lione

Lo stanziamento dovrà essere ripartito tra Italia e Francia

da Bruxelles

Dopo mesi di indiscrezioni, alla fine si può fare chiarezza sui fondi destinata alla Torino-Lione. Nel documento preparato dalla Commissione europea sulla Rete per i trasporti Trans-europee (Ten), viene precisata la cifra destinata a questo progetto che domina da tempo la cronaca italiana: per la precisione 671,8 milioni di euro per il periodo 2007-2013. Una cifra che dovrà però essere approvata dai ministri competenti dei Ventisette il prossimo 28 novembre. Da Bruxelles arrivano fondi però anche per un altro importante progetto di cui si parla di meno ma non per questo è meno strategico per il nostro paese: il tunnel base sotto il Brennero, che consentirebbe di velocizzare i trasporti ferroviari sulla rotta nord-sud in Europa, per il quale Bruxelles propone 786 milioni di euro.
La Torino-Lione è in realtà una parte di un progetto ben più ampio, essendo inserita all’interno del «progetto prioritario n. 6», che è la tratta Lione-Torino-Trieste-Capodistria-Divaca-Lubiana-Budapest-confine ucraino, che ha ricevuto un finanziamento complessivo di 754,50 milioni di euro per il periodo 2007-2013. I 671,8 milioni di euro, che andranno divisi tra Francia e Italia, riguardano in particolare, si legge nel documento di cui Aki-Adnkronos International possiede copia, «la linea ferroviaria tra Lione e Torino» e includono «lavori e studi per la costruzione di una nuova connessione ferroviaria nella sezione ferroviaria frontaliera franco-italiana». I fondi concessi sono inferiori a quanto richiesto a Bruxelles, e cioè 725,10 milioni di euro.
All’Italia nel quadro del «progetto prioritario n.6» spettano anche altri fondi. Così 24 milioni di euro sono assegnati al nostro paese per studi per la sezione tra Ronchi Sud e Trieste. Altri 50,70 milioni di euro saranno divisi tra Italia e Slovenia per la sezione transfrontaliera Trieste-Divaca.
Soldi all’Italia, infine, anche sul progetto prioritario n.1 Palermo-Berlino, in particolare per il tunnel sotto il Brennero.
Complessivamente per la galleria di base sono stanziati 786 milioni di euro, di cui 592,65 per i «lavori di costruzione del tunnel base del Brennero» e 193,35 per «studi per la costruzione del tunnel di base».
Si tratta anche qui di fondi transfrontalieri, da dividersi tra Italia e Austria. All’Italia spettano inoltre 58,81 milioni per la linea d’accesso al tunnel, con studi per le sezioni tra Fortezza e Verona.
Complessivamente, per il solo 2007 i fondi comunitari disponibili per «progetti d’interesse comune nella rete di trasporti transeuropea» sono 112,60 milioni di euro, ci cui 50 milioni per progetti ferroviari, 27,3 per quelli stradali, 21 milioni per i porti il resto per trasporto aereo e via d’acqua interne. I progetti selezionati dalla Commissione sono 43 su 91 proposti.