A tavola nei giardini zen serate scatenate con Bacco e drag-queen

Potremmo chiamarlo Nuovo Cinema Paradiso, il Visionnaire Design Gallery, un anno e mezzo di lavori nell’ex Cinema Cavour, luogo voluto da Samuele Mazza, stilista. Negozio di arredamento e lounge-caffè durante il giorno, alterna eventi sfilate di moda; alle 19 l’aperitivo: sorta di light dinner basato sulla nuova tendenza culinaria raw food-depurazione - a cura di giovani chef all’avanguardia - tra proiezioni di film e musica.
Nei locali milanesi più glamour intanto, è arrivato «2night Magazine», free press mensile di 2night, per districarsi nell’incombente «campagna elettorale» che coinvolge i migliori punti di ritrovo della night life. A metà novembre sono partite le votazioni dei 2night Awards, gli «Oscar della Notte», dedicati ai migliori locali e ristoranti della night life. I premi verranno consegnati nel corso di un dinner-show-party, cerimonia prevista ad aprile 2009 al termine di una selezione-per votare www.2night.it registrarsi ed esprimere la propria preferenza: i voti decreteranno i migliori locali e le nomination per la gara ai premi nazionali. I protagonisti restano i locali di tendenza, quelli che faranno moda anche nel 2009, come Exploit di via Pioppette, Refeel di viale Sabotino 20, Blanco Café di Corsico, Bar Magenta, Chiringuito di San Siro, la discoteca Limelight di via Castelbarco, che ospita, una volta al mese, la one night Chandelier Motel, Chandelier di via Broggi 17, Chiostri di San Barnaba di via Santa Barnaba, Shambala di via Ripamonti, Lounge di Via Larga, Magazzini Generali, Gasoline di via Bonnet.
I trend della notte 2009 spazieranno dai «Comfort food», cibo come filosofia di qualità che regala benessere, come all’Officina di Bacco di via Savona 93, tranquillo ed accogliente, cibo ottimo e porzioni abbondanti, per i cultori del vino. Per Vida da local bar, cioè divertimento e festa come leitmotiv della notte, c’è il Boh!? Café di via Stendhal 49, super affollato, con gente che staziona sui marciapiedi antistanti, con birra alla mano, interni low-profile, angolo con cuscini per terra, perfetto per bere bene e incontrare nuove facce. Tra i Gloss bar, per una notte in stile red carpet, quando l’importante è vedere ed essere visti, ecco il Living di piazza Sempione 2, aperitivo, elegante, atmosfera piacevole ed accogliente. Location nel cuore pulsante di Corso Sempione, invece, è il Jazz Cafè, luogo dove trascorrere serate all’insegna del divertimento sfrenato. La cena è fatta di ricette dinamiche, al passo con le tendenze più attuali-aperto ogni giorno, dalle 8.30 alle 2.00, per colazione, pranzo, ricchi aperitivi e cene (corso Sempione, 8).
Una novità è il Food and Fashion di via Palestrina, ristobar su due piani, collegati da un ascensore in cristalli e metallo e una scala illuminata. Il piano superiore è dedicato ai cocktail e lounge bar, l’area sottostante è occupata dal ristorante con giardino zen. Il menu è stagionale e varia ogni settimana. Chiuso la domenica, alterna serate modaiole, con musica latino-americana, al giovedì sera con la one-night Boa, in consolle dj Rebecca Crak e l’animazione drag queen; idea nata da Danilo Visconti, con spettacoli di animazione con Ivonne O’ Neill e Gegé. Lo show di drag queen è ispirato alla New York anni Sessanta e ai party che ispirarono per oltre un ventennio Andy Warhol e David Bowie. «Nu house Club» infine, sabato house diretto da Guido D’Annunzio, ha inaugurato il nuovo Club «Oracle» in Largo La Foppa, angolo Corso Garibaldi, club raffinato con ristorante, design minimalista orientale, illuminazione a fibre ottiche, cucina italiana nei prive rialzati in un’atmosfera zen. A mezzanotte i volumi si alzano sulla pista centrale e va in scena il sabato house frequentato dai clubber più esigenti.