Taxi, nuovo numero per prenotare la corsa spendendo di meno

199.106.601 darà accesso a una vettura che si trova nei paraggi

Donatella Palmieri

D’ora in avanti i cittadini che vogliono prenotare un taxi nel parcheggio più vicino alla propria abitazione possono chiamare il nuovo numero di telefono 199.106.601. La novità è stata presentata ieri in Campidoglio dal sindaco Veltroni, dall’assessore comunale alla Mobilità Calamante e dal presidente di Atac Spa, Vento.
Questo numero darà accesso a una delle 36 nuove colonnine di colore verde scuro, individuabili mediante apposite scritte di colore giallo, già attivate in altrettante stazioni di taxi. Risponderà il tassista che andrà a prendere il cliente nel luogo indicato. Altre 33 colonnine saranno attivate dall’Atac entro maggio. In tutto sono circa 300 le postazioni dei taxi servite dalle nuove colonnine, dotate anche di sistemi antivandali dato che si trovano nei parcheggi meno frequentati.
Il servizio, hanno sottolineato Veltroni e Calamante, permetterà di avere il taxi sotto casa a un costo minore, arrivando dal parcheggio più vicino. È stato lo stesso Veltroni a testare il numero di prenotazione, seguendo le indicazioni della voce pre-registrata. Il messaggio registrato informa il cittadino sul costo della chiamata e sui posteggi disponibili invitandolo a digitare il numero del municipio (per esempio 01 per il I municipio), e la stazione (numerazione progressiva da 01 in poi). Il costo della chiamata da un telefono fisso di Telecom Italia, senza scatti alla risposta è di 14,25 centesimi al minuto Iva inclusa, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18.30 e il sabato dalle 8 alle 13. Il costo scende a 5,58 centesimi al minuto dal lunedì al venerdì dalle 18.30 alle 8, il sabato dalle 13 alle 8 e nei festivi.
«Questo servizio - ha concluso Veltroni - nasce per cercare di migliorare la vita dei cittadini che hanno difficoltà a trovare un taxi e fa parte del protocollo di intesa con la categoria dei tassisti e va ad aggiungersi alle 459 nuove licenze taxi, 300 delle quali sono in assegnazione».