Taxi, si ricomincia Codacons in trincea

È fissato per le 21 alla Nuova Fiera di Roma l’appuntamento per i tassisti che ascolteranno le proposte del sindaco alla categoria e le controproposte che i sindacati hanno preparato in vista dell’incontro di lunedì pomeriggio in Campidoglio. I rappresentanti hanno preso atto delle 500 licenze messe sul piatto da Veltroni: chiederanno però al Comune, che si è impegnato a non rilasciarne più fino al termine della consiliatura, di indire per metà di queste un concorso aperto ai sostituti alla guida, ovvero a chi ha già maturato esperienza alla guida di un taxi, e ai cittadini. Riguardo alle tariffe, i rappresentanti proporranno di chiudere con il 18 per cento in più sull’attuale sistema, lavorando con la prospettiva di arrivare a una tariffa progressiva. Per il capitolo Termini, verrà proposto al Comune il pagamento di 2 euro per le corse che partono dalla stazione. Nei punti stilati l’altra sera alla sede dell’Ugl di via Margutta c’è inoltre la richiesta di avviare un tavolo per la lotta agli Ncc di fuori Roma.
Intanto il Codacons fa sapere, tramite il suo legale, che chiederà al Tar del Lazio di sospendere le trattative sull’aumento delle tariffe, o quantomeno di «ammettere l’associazione a partecipare alle stesse». «E tutto questo - dichiarano dall’associazione -, proprio perché al tavolo sono stati invitati solamente i rappresentanti dell’Adoc e di Cittadinanzattiva».