Teatro Argentina Arriva «Pippi Calzelunghe»

Debutta giovedì in prima nazionale al teatro Argentina «Pippi Calzelunghe», lo spettacolo che per la prima volta ha coinvolto tutta la famiglia di Gigi Proietti. La frizzante protagonista delle avventure create da Astrid Lindgren sarà in scena fino al 6 marzo nella versione che vanta la supervisione dell’artista, la traduzione italiana a cura della moglie Sagitta Alter e della figlia Carlotta, la rielaborazione scenica e i costumi della figlia Susanna e la regia di Fabrizio Angelini.
«L’idea di Pippi - spiega il direttore del Teatro di Roma, Giovanna Marinelli - è di Proietti. Con questo spettacolo vogliamo riprendere la significativa tradizione che avevamo di fare spettacoli di qualità per ragazzi. Speriamo che “Pippi Calzelungh” entri nel repertorio e abbia una lunga vita. Intanto abbiamo esaurito le recite per le scuole». Alla pièce sono legati anche alcuni laboratori teatrali cre-attivi, “Combina guai con Pippi”, per bambini dai quattro ai dodici anni, realizzati grazie al contributo del Gioco del Lotto e che si svolgeranno nei week end del 14 e 15 marzo e del 21 e 22 marzo (date in cui lo spettacolo sarà in scena al Teatro India)».
«La voglia di portare Pippi Calzelunghe sul palco - aggiunge Proietti - è nata parecchi anni fa, quando dirigevo il Brancaccio. Notai che nei teatri per i bambini non si faceva molto. Per un teatro privato è un’impresa corposa mettere in scena uno spettacolo di questo tipo. Però presi contatti con scenografi e autori svedesi e poi il Teatro di Roma ha accettato di portarlo sul palco». «Pippi Calzelunghe» è tradotta in 86 lingue, diverse versioni teatrali e televisive. Nello spettacolo si fondono musica, danza e acrobazie.