Il Teatro Cantero compie 80 anni e alla festa invita anche Accardo

Ottant’anni. Bel traguardo, degno di un compleanno di tutto rispetto: per il Teatro Cantero di Chiavari quest’anno una stagione speciale e un regalo mica da tutti i giorni, il concerto di Salvatore Accardo, dici poco, uno dei maggiori talenti violinistici della scuola italiana del Novecento. Il maestro arriverà in quel della riviera giovedì 24 novembre (ore 21), e salirà sul palco accompagnato al pianoforte da Laura Manzini. E questo è l’evento.
Ma anche il resto del cartellone si fa notare, infarcito di titoli del grande repertorio e organizzato dal Teatro in collaborazione con le associazioni «Ritorno all’Opera» e «Amici del Teatro e del Tigullio».
Si parte il 28 ottobre (ore 21) con «Aida» di Giuseppe Verdi - assente dal palcoscenico chiavarese da ben sessant’anni - in un allestimento che debutterà proprio al Cantero, creato scenograficamente dai bozzetti di Artemio Cabassi e realizzato da Arte Scenica di Reggio Emilia. Natale si festeggia con l’operetta, con uno dei titoli più noti e amati, «La Vedova Allegra» di Franz Lehàr, della Compagnia Teatro Musica Novecento di Reggio Emilia, in scena il 20 dicembre (ore 21). Altro appuntamento più che ambizioso per l’anno nuovo, «Don Giovanni» di Mozart (20 gennaio, ore 21), una novità per il teatro chiavarese, con la regia di Andrea Elena. Chiude la stagione un’altra opera verdiana, «Traviata» , con un importante e nuovo allestimento realizzato e diretto dal regista e scenografo Paolo Panizza.
Iniziativa collaterale e parallela al cartellone, il Progetto di Educazione all’Ascolto dell’Opera Lirica - dopo il successo dell’anno scorso - proposta alle scuole secondarie di primo e secondo grado, con l’obiettivo di coinvolgere i giovani in un percorso di avvicinamento al mondo della lirica; sarà il regista ad accompagnare i giovani «neofiti» nel pieno della trama, preparandoli anche all’ascolto delle più note arie e romanze eseguite dal vivo dai cantanti protagonisti. Un’esecuzione ridotta, insomma, che introduca dolcemente nei meandri del teatro musicale. «I giovani sono sempre un investimento - hanno detto a una voce Pier Enrico Dall’Orso (Teatro Cantero) e Ivan Marino, presidente di “Ritorno all’Opera” - perché sono il pubblico di domani e, perché no? Magari anche potenziali protagonisti di questo universo affascinante che è l’opera lirica, troppo poco seguito, troppo poco conosciuto».
Novità di quest’anno, la campagna abbonamenti, a partire dal 1º luglio e fino al 10 settembre (escluso dall’1/8 al 23/8 per chiusura estiva), con l’opportunità di acquistare gli spettacoli a prezzi molto vantaggiosi e con due tipologie: tre opere liriche più operetta oppure tutte le opere liriche. Gli abbonamenti e il concerto di Accardo (fuori abbonamento) si possono acquistare solo presso il botteghino del teatro, in orari di apertura cinema. I biglietti per le opere in cartellone saranno invece disponibili dal 15 settembre, presso il teatro, on line su www.happyticket.it e in diversi punti vendita di Genova e del Levante.
Per informazioni, tel. 0185363274 e www.cantero.it