Teatro Cargo parte dagli anni 50

L’Italia alle soglie del boom economico. L’Italia della 500, di Lascia o Raddoppia, Bartali e Coppi, divisa tra la Lollo e la Loren, la Vespa e la Lambretta sarà la protagonista dello spettacolo «Vola, Colomba» che venerdì 27 ottobre aprirà la stagione del Teatro Cargo, al suo quinto anno di attività a Voltri. Il lavoro firmato Laura Sicignano e Alessandra Vannucci non è che il primo di otto spettacoli in un panorama eterogeneo che dedica grande attenzione ai classici: da Shakespeare («La bisbetica domata») a Sofocle («Antigone non abita più qui»), da Brecht («L’eccezione e la regola») a Goldoni («Le smanie per la villeggiatura»), messi in scena in base al gusto di un pubblico moderno. Ma ci sarà spazio anche per la comicità lieve e poetica, quella di «Cesso dentro» e «Il corpo di Totò».
Teatro Cargo per le sue produzioni riserva uno sguardo alla storia dal Seicento di manzoniana memoria con «Strega», al Settecento genovese della «Regina», proposto alle scuole presso il museo di Palazzo Rosso, ai mitici anni di 50 di «Vola Colomba».
Ai ragazzi sarà dedicata la rassegna per le scuole, Teatro & Ragazzi, che proporrà sette appuntamenti a partire dall’8novembre. Rassegna sostenuta da Coopsette e dalla Provincia di Genova e che offre interessanti proposte adatte per bambini e ragazzi dall’asilo alle superiori, mentre continuano i laboratori di teatro per chi si muole mettere alla prova sulla scena. E per tutti un gradito momento conviviale e festoso nel tradizionale dopoteatro che coinvolge attori e spettatori e che quest’anno sarà organizzato insieme al Parco del Basilico della Provincia, che presenta i prodotti del ponente genovese, in collaborazione con i produttori e i ristoratori locali.
Gli abbonamenti sono previsti a 8 spettacoli (52 euro) o a cinque («Le pecore nere», 25 euro) riservato ai giovani al di sotto dei 25 anni di età.