Teatro Due Grazia Di Michele detenuta commovente

La spiccata sensibilità e l’inesauribile energia, oltre all’impegno sociale, ne fanno un’artista a tutto tondo. In cattedra all’Università della musica così come in proscenio. Grazia Di Michele, la soave cantautrice di Le ragazze di Gauguin, per tre volte presente sulla ribalta di Sanremo, ha appena debuttato in prima nazionale al Teatro Due con un testo ironico e commovente già vincitore del Premio Molière in Francia, «Di’ a mia figlia che vado in vacanza» scritto dall’autrice francese di origine ebraica Denise Chalet. La regia è di Maddalena Fallucchi. «Di’ a mia figlia che vado in vacanza» è un testo audace, a tratti comico ma anche commovente: una commedia intensa ambientata in un carcere, protagoniste due donne all’apparenza diverse come il sole e la notte - una proveniente dalla banlieue parigina, l’altra per bene e schizzinosa - che però impareranno a condividere gesti, silenzi e affetto: l’inizio di un rapporto intenso che le porterà a condividere il segreto della propria storia personale. Scene e costumi sono di Maria Alessandra Giuri, disegno luci di Paolo Macioci. In scena con Grazia Di Michele c’è Alessandra Fallucchi, volto noto di Un medico in famiglia e Ris3. Repliche fino al 16 novembre.