Teatro7, festa grande giovedì per la riapertura

Il Teatro 7 è uno degli indirizzi più allegri e simpatici di Milano, zona Isola, in una via silenziosa, via Civerchio, che va un po’ cercata perché defilata. Le proposte sono dettate dalla fantasia di Rico Guarnieri, scenografo a Cinecittà a Roma prima di diventare un cuoco in città a Milano. L’idea di cucinare come fosse sul palcoscenico di un teatro gli arriva dalla sua precedente occupazione, un legame con la tivù e le scene che non ha mai del tutto abbandonato, considerata una seconda struttura aperta da poco.
Cucina a vista, la sola che io conosca attrezzata con fuochi e forni da casa privata, una grande vetrata a dividerla dalla sala. A pranzo bisogna impegnarsi per spendere 20 euro, la sera si supera di poco quota 30, con il giovedì aperto al cliente che vuole essere chef per una sera e il sabato pomeriggio riservato ai bambini spignattanti.
Su tutto questo, giovedì scorso si è abbattuta la furia di un tossico che, entrato nel cortile e danneggiate auto e moto, non pago ha sfondato la porta sul retro del locale, vi è entrato e lo ha letteralmente devastato, per un conto finale di 70 mila euro. L’assicurazione pagherà i danni concreti, per stemperare quelli morali ho proposto, attraverso il mio blog, www.marchidigola.it, che giovedì prossimo, 24 maggio, quando il Teatro 7 sarà rimesso a nuovo, di celebrare una festa di buon ritorno al lavoro. Le cose funzioneranno così: Rico e Maria offriranno, dalle 20 a mezzanotte, formaggi e salumi, lasagne e creme bruciate al prezzo fisso di 30 . E il bere? Ci penseranno tutti gli amici presentandosi sorridenti con una bottiglia di vino, birra o sidro. Per saperne di più 339.8856918.
E-mail: paolo.marchi@ilgiornale.it