Tebio, condanna per Casarini

Il leader dei disobbedienti Luca Casarini è stato condannato in appello a dieci mesi di reclusione per resistenza aggravata a pubblico ufficiale, nell’ambito dei disordini di Tebio, la mostra delle biotecnologie, tenutasi alla Fiera di Genova nel maggio del 2000. In primo grado il leader delle Tute bianche era stato assolto: a Casarini è stata comunque confermata l’assoluzione per i reati di lesioni aggravate e travisamento. La corte d’appello ha inoltre confermato l’assoluzione per il coimputato Giovanni Lunghi, del centro sociale Leoncavallo di Milano.

Annunci

Altri articoli