La tecnologia italiana a favore della sicurezza

Secondo gli ultimi dati disponibili della Polizia Stradale, si registrano in Italia 139.687 furti d’auto – 11.640 al mese, 388 al giorno, oltre 16 l’ora – e il Lazio con 25.258 furti comanda questa classifica precedendo la Campania (24.748), la Lombardia (23.125) e la Puglia (16.494). A seguire c’è la Sicilia: 16.071. Sul fronte incidenti stradali, invece, se ne verificano 218.963 ogni anno che vedono il ferimento di oltre 310mila persone, e 4.731 decessi. La Sicilia «contribuisce» a questa triste classifica con 14.347 incidenti (preceduta da Lombardia, Lazio, Emilia Romagna, Veneto Toscana), che vede il ferimento di quasi 22mila persone e 364 vittime della strada (è la 5° Regione dove di muore di più). Proprio per individuale le azioni per affrontare le sfide comuni sul tema della sicurezza stradale e sulla mobilità in generale, si è svolto a Torino il Gma Telematics Symposium, co-ospitato quest’anno dall’Arc (l’Associazione che rappresenta i principali Automobile club europei) e dall’Aaa (il più rappresentativo Automobile Club degli Usa), che ha riunito i principali esponenti mondiali delle associazioni degli automobilisti per discutere e definire le strategie future in merito alla sostenibilità della mobilità globale con particolare attenzione allo sviluppo dei servizi telematici e delle tecnologie applicate.
La scelta di Torino quale sede per questa edizione non è stata casuale. I delegati infatti hanno avuto l'opportunità di visitare gli stabilimenti di Viasat Group. Partner tecnologico di Arc e fornitore della Arc Telematic Platform, il gruppo è una realtà tutta italiana ed è leader nell’ambito della progettazione e produzione dei sistemi e dell’erogazione dei servizi di localizzazione satellitare e di comunicazione globale. Attraverso centrali operative di proprietà, gestisce già da anni attività di assistenza, di soccorso e di recupero dei veicoli rubati, contribuendo così alla sicurezza degli automobilisti in Italia e in Europa.