8 bit: "Destiny 2"

"Destiny 2" è pronto a riprendersi la scena videoludica dopo aver imparato dagli errori commessi nel precedente episodio ed aver migliorato l’esperienza di gioco offerta ai giocatori di tutto il mondo

Seguito di «Destiny», il nuovo titolo, distribuito da Activision e sviluppato dalla Bungie, è pronto a riprendersi la scena videoludica dopo aver imparato dagli errori commessi nel precedente episodio ed aver migliorato l’esperienza di gioco offerta ai giocatori di tutto il mondo.

Ciò si nota subito dalla trama che, in Destiny, è stata piuttosto deludente, ma che, nel nuovo capitolo, è, senza dubbio, uno dei pro più significativi del gioco. Si riparte con il nostro vecchio eroe che avevamo (eventualmente) utilizzato nel precedente titolo. Il quale, però, ha perso tutti i bottini, l’equipaggiamento e, cosa più importante, la luce che conferisce l’immortalità a tutti i guardiani. Già, perché i Cabal hanno intrappolato il Viaggiatore, privando i Guardiani della Luce da lui fornita, rendendoli così inabili ad usare i propri poteri.

Ghaul, comandante della Legione Rossa, riuscirà a sconfiggerci e a scagliarci giù, tra i palazzi distrutti della città sulla quale abbiamo, da sempre, vegliato. Inizierà da qui il nostro viaggio, senza luce, solitario, allo stremo delle forze, con l’obiettivo di riprenderci tutto ciò che ci spetta e fermare Ghaul e la sua armata per liberare il Viaggiatore dalle loro grinfie. La narrazione è senz’altro migliore rispetto al precedente capitolo, con scenari mozzafiato e musiche di sottofondo che completano perfettamente le immagini a schermo; il tutto per una durata complessiva di dodici ore circa, senza considerare le missioni secondarie. Ma, ovviamente, Destiny 2 non si limita solo alla campagna.

Dopo la fine del gioco, offre molte altre attività nelle quali far cimentare il nostro eroe per sbloccare nuovi equipaggiamenti e accrescere il suo potere, come gli assalti, il pvp, le pattuglie e le eventuali missioni meno importanti, lasciate indietro durante il completamento della storia. Anche l’esplorazione dei pianeti e dei satelliti sarà importante, dato che potremo trovare aree nascoste che ospitano bottini difesi da mini boss. Insomma, Destiny 2, in quanto alle dinamiche di gioco, al gameplay e alla trama, è decisamente migliorati rispetto al titolo d’esordio che, comunque, aveva raccolto numerosi consensi. Ragion per cui, oltre che per il connubio geniale tra sparatutto, grinding e looting, quasi sicuramente diventerà un titolo al quale assegnare un posto di diritto nella nostra collezione di giochi.