8 bit: Guitar Hero Live

Uno dei titolo più noti del mondo dei videogame si rinnova per restare al passo coi tempi

I reality show televisivi incentrati sulla musica continuano, da qualche anno a questa parte, ad ottenere ascolti di tutto rispetto. Ed è da un uguale lasso di tempo che il mondo videoludico propone agli appassionati giochi che soddisfino questo spicchio di mercato. Periodicamente, però, è necessario introdurre novità all’interno di un titolo che aveva avuto grande seguito: questo Guitar Hero Live (Activision) è anche qualcosa di più.

Una prima apprezzabile rivoluzione si nota con la chitarra completamente riveduta e corretta rispetto al passato. Basta vecchi tasti sovradimensionati piazzati al centro dello strumento: ora si hanno a disposizione sei piccoli pulsanti disposti su due linee vicino al capotasto. Già questo implica ore ed ore per impratichirsi: la chitarra è più leggera, ma va impugnata correttamente per poter ottenere il meglio. I nuovi movimenti delle dita risultano più fedeli alla realtà, ma proprio per questo il coefficiente di difficoltà si è notevolmente alzato. Nota negativa è la mancanza di compatibilità con le versioni precedenti, e la necessità di armarsi di pile usa e getta affinché la chitarra possa suonare.

Notevoli cambiamenti anche nella struttura del gioco: mentre prima il protagonista doveva crearsi una propria band partendo da zero, ora viene catapultato in gruppi già formati che suonano generi molto diversi. In modalità single player, si hanno a disposizione una cinquantina di canzoni da suonare in quindici concerti, sbloccando di volta in volta alcuni contenuti preziosi per continuare a migliorare le proprie performances. I quattro livelli di difficoltà permettono diverse ore di divertimento, anche se manca del tutto la possibilità di personalizzare il chitarrista o di gestire la band. Elettrizzante e davvero ben ricreato il salire sul palco ed iniziare i concerti: il pubblico e la band reagiranno positivamente o negativamente a seconda della propria bravura.

In modalità online, chiamata TV, l’universo di possibilità si fa quasi infinito. Da subito si hanno a disposizione più di 200 singoli, con tanto di video musicale originale d’accompagnamento, che lasciano solo l’imbarazzo della scelta. Per poter progredire, però, si devono accumulare monete secondo modalità a volte un po’ troppo macchinose. Criticabile anche l’introduzione nelle liste di canzoni che con la chitarra non avrebbero nulla a che fare, con arrangiamenti discutibili. Comunque tante e tante ore videoludiche di puro divertimento, con aggiornamenti in arrivo che le moltiplicheranno ulteriormente.

Gioco promosso a pieni voti per le novità introdotte, che promette ulteriori miglioramenti.