8 bit: il mondo degli zombie

Negli ultimi venti anni la figura dello zombie si è ritagliata uno spazio importante in vari settori dell’intrattenimento. Dal cinema alla televisione, dai libri al merchandise, sono sempre di più i format che hanno per protagonisti i nostri simpatici deambulanti. Ovviamente anche il settore dei videogiochi non fa eccezione, avendo inaugurato proprio con un titolo a loro dedicato l’era dei cosiddetti survival horror.

Stiamo ovviamente parlando di Resident Evil 7 (Capcom, distribuito da Halifax), ultimo capitolo di una serie che vanta milioni di appassionati. Protagonista di quest’ultimo capitolo è tale Ethan Winters, disperato per la scomparsa della moglie Mia, avvenuta ormai tre anni prima. Alcuni indizi conducono alla cittadina di Dulvey in Lousiana, dove il nostro eroe giunge, per ritrovarsi di fronte ad una immensa e spettrale villa. Da qui in poi Ethan inizierà una corsa contro il tempo per ritrovare l’amata, sopravvivendo agli incubi che gli si pareranno davanti. Tra i punti di forza del titolo una trama decisamente ben curata con numerosi colpi di scena che vi faranno letteralmente saltare sulla sedia. Ottimo anche il comparto grafico. La visuale in prima persona potrà far storcere il naso ai puristi della serie ma a nostro avviso si rivela azzeccatissima per mantenere costante il livello di tensione. In molte occasioni penserete di trovarvi davvero nei bui corridoi della villa, con l’orrore in agguato dietro ogni angolo. Musiche e sonoro in linea con le attese e modalità di gioco a difficoltà crescente ( compresa la modalità manicomio per i veterani più incalliti) garantiranno una esperienza di gioco superiore alle aspettative sia ai vecchi fans che ai neofiti.

Per i più piccoli (ma non solo) giunge Kingdom Hearts 2.8 Final Chapter Prologue (Koch Media), raccolta di titoli più o meno noti della saga che unisce elementi tipicamente nipponici ai classici personaggi di Walt Disney. I tre titoli presenti sono Dream Drop Distance (porting di un successo apparso cinque anni fa su Nintendo 3DS), l’inedito Bird by Sleep 0.2 (capitolo che strizza l’occhio all’atteso Kingdom Hearts III) ed infine Kingdom Hearts X Back Cover (capitolo che in occidente non ha in passato avuto molto successo. Ad una quantità di contenuti decisamente accattivante si contrappone una rappresentazione grafica che stona. Dream Drop Distance è un riadattamento di un titolo pensato per consolle portatile, ponendoci di fronte a un ottimo framerate a 60fps che si perde totalmente in uno schermo spesso desolatamente vuoto. Nota di merito invece per una giocabilità rimasta invariata nel passaggio dal touch screen al canonico joypad. Un titolo tra passato e futuro consigliato soprattutto ai fan.

Concludiamo con Digimon World Next Order (Bandai Namco), ultimo capitolo del popolare brand dedicato ai mostri virtuali. Avremo la possibilità di impersonare uno dei due protagonisti (Takuto o Shiki) muovendoci in un mondo virtuale alla ricerca di avversari con cui confrontarsi. Potremo allenare i nostri mostri digitali ( ora due contemporaneamente) per migliorare statistiche e capacità. Durante gli scontri i nostri Digimon potranno unirsi in una creatura evoluta per affrontare anche gli avversari più tosti. In caso di successo potremo acquisire nuove creature da inserire nella nostra scuderia. Il prodotto si mette in luce per una grafica che non subisce particolari perdite nel passaggio da PS Vita alla sorella maggiore, rendendo in maniera adeguata un open word decisamente ricco e colorato. Ovviamente non trattandosi di un titolo pensato espressamente per l’ammiraglia di casa Sony possiamo notare una certà rigidità nei combattimenti. Il comparto sonoro si presenta piuttosto ripetitivo. una curva di apprendimento lineare in grado di garantire il giusto livello di sfida senza risultare frustrante. In definitiva un buon titolo da aggiungere alla vostra collezione.

Video che ti potrebbero interessare di Tech