La batteria può esplodere: Samsung non venderà il Note 7

Il "phablet" doveva uscire domani. La casa coreana ha bloccato la distribuzione

Doveva essere domani il giorno del lancio del Galaxy Note 7, il nuovo "phablet" di Samsung. Una data attesa da molti ma rimandata in data da destinarsi, perché esiste il rischio concreto che i clienti possano avere problemi con lo strumento della casa coreana.

In alcuni modelli la batteria ha mostrato la tendenza a riscaldarsi e in due casi si è registrata una vera e propria esplosione. Per questo, per capire se si tratti di un problema che rigurda un numero consistente di Note 7 o soltanto di un difetto di pochi esemplari, a Seul hanno tirato il freno sulla "release".

Una notizia che Samsung non ha ancora diramato ufficialmente, ma che è stata confermata al Sole 24 Ore da fonti, secondo cui anche l'Italia sarebbe inclusa nello stop della distribuzione, anche se i clienti che già hanno prenotato il Note 7 ancora non sarebbero stati contattati dalla casa produttrice.

Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 01/09/2016 - 18:13

Ma non vengono effettuati dei test,specie sulle batterie al litio? Logica vorrebbe che venissero fatti con notevole anticipo sulla release,onde avere un quadro statistico attendibile.