La cucina questa volta si «Ricicla»: realizzata con materiali eco-friendly

L’innovativo designer fiorentino Sandro Berni di AskCucine presenta alla Fiera dell’Artigianato di Firenze la sua nuova creatura: è stato scelto un legno vecchio massello di rovere recuperato da travi di una vecchia tabaccheria dei primi del ’900

Anche la cucina ora si ricicla. Dopo l’Orto in cucina e Aerodinamica l’innovativo designer fiorentino Sandro Berni di AskCucine presente in questi giorni alla Fiera dell’Artigianato di Firenze, presenta quest’anno un evoluzione eco-friendly delle cucine che fa riflettere sulla scelta dei materiali che fanno parte nella nostra vita. Per questo progetto innovativo, è stato scelto un legno vecchio massello di rovere, recuperato da travi di una vecchia tabaccheria dei primi anni del 1900 favorendo così il riciclo, strizzando un occhio contro il disboscamento degli alberi, problema ormai sensibile a tutti.

«La difficoltà sta nel tenere dritte le ante in legno massello vecchio, che sono state opportunamente scavate per inserire rinforzi in ferro, ma si sa, il legno vecchio si muove ed è proprio questo il suo fascino - spiega Berni - L’imperfezione diventa essa stessa la perfezione. Passando la mano sulle ante si percepisce la storia ed avvicinandosi si sente il profumo di vero che ricorda i vecchi mobili dei nostri nonni. Il piano di lavoro è in acciaio totalmente graffiato in modo irregolare fornendo un effetto unico, vero e vissuto, abbracciando il legno vecchio. Lavello, piano cottura e alzatina sono totalmente saldati dall’interno eliminando le fastidiosissime fessure dove solitamente avvengo infiltrazioni di acqua e sporco».

Berni ha ripensato anche il concetto di pensili, studiando una linea innovativa e pratica che non seguisse i canoni standard. Il pensile inferiore di 2 metri 40 centimetri si apre e si chiude con un dito e, non sporgendo quando è aperto, ci aiuta a scegliere il necessario illuminato a tutta vista nei momenti di preparazione. Altro materiale nobile è lo schienale in vetro che riflette la luce dei pensili verso il piano di lavoro, favorendo maggiore luce anche nelle zone d’ombra ed una facilità di pulizia unica. All’interno dello schienale in vetro, è stato inserito un orto a parete incassato. Insomma, come sempre niente viene lasciato al caso e la cura dei dettagli è ormai parte della filosofia di Sandro Berni e AskCucine.

Nello stesso stand di Ask Cucine al padiglione Rastriglia, si può ammirare anche trovare una delle cucine più famose al mondo Aerodinamica Connect, ideata e disegnata da Sandro Berni e che ha avuto un successo mondiale. «La mia massima soddisfazione - conclude Berni - è migliorare la qualità della vita con i nostri prodotti, pensati e realizzati rigorosamente a Firenze».