Expo Dubai 2020, italiana la presentazione tech della nuova metropolitana

Innovazione tecnologica e canoni di bellezza made in Italy per l'evento realizzato da Prodea Group con cui è stato svelato all'emiro Mohammed bin Rashid Al Maktoum l'interior design delle sette stazioni dell'avveniristica Metro Interchange 2020

Le grandi opere per la realizzazione di Expo Dubai 2020 vanno avanti spediti e le iniziative coinvolgono anche aziende italiane capaci di esportare innovazione tecnologica e canoni di bellezza del made in Italy. Come è avvenuto per presentazione della Metro Interchange 2020, che è stata curata da Prodea Group, agenzia di comunicazione torinese alla quale la Roads and Transport Authority ha affidato l’evento.

La presentazione è avvenuta al cospetto di Mohammed bin Rashid Al Maktoum, emiro di Dubai e vice presidente degli Emirati Arabi Uniti, della famiglia reale e dei più importanti stakeholder e personalità dell’emirato e ha dato il via alla realizzazione di una delle più importanti opere pubbliche per l'Esposizione Universale.

Quella realizzata da Prodea è stata un'esperienza immersiva alla scoperta dell'interior design che caratterizzerà le sette stazioni della nuova linea metropolitana fra città e sito espositivo.
Prodea Group ha allestito una tensostruttura lunga quasi 100 metri all'interno della quale si è dipanato il racconto, emozionante e creativo, del percorso intrapreso da Rta per la costruzione di questa linea avveniristica. Il viaggio è iniziato con la presentazione da parte del ceo di Rta del master plan del progetto con l'uso di un mockup table videomappato, è proseguito con la visione della Time Line Wall dove sono state fotografate le principali tappe dei lavori e con quattro installazioni artistico-tecnologiche dedicate ai quattro elementi naturali a cui gli interni delle stazioni sono ispirati: acqua, terra, fuoco ed aria.

Il viaggio è proseguito all’interno della Expo Room, dove è stata presentata la nuova stazione intitolata a Expo 2020 ed il suo interior design grazie a contributi video di ultimissima generazione. Le immagini, trasmesse sui tre assi prospettici (pavimento e due pareti inclinate) hanno dato la sensazione che gli elementi in 3D fluttuassero nell’aria, e che la stazione si materializzasse grazie a uno speciale movimento di camera che ha fatto "entrare" gli ospiti dentro la stazione come se fosse ultimata e operativa. Il video in 7K ha permesso di apprezzare i dettagli futuristici della nuova metropolitana. La produzione video in 3D è stata realizzata da D-wok, azienda di entertainment design del gruppo.

Mohammed bin Rashid Al Maktoum ha infine apposto la sua firma su una serigrafia in alluminio dell'interior della stazione, sollevata da un braccio robotico. Un potente raggio laser ha disegnato l'interior incidendo il metallo spettacolarizzando il momento protocollare.