Rischi per utenti CCleaner: piratato programma per "pulire" il pc

Ogni mese milioni di download. L'hackeraggio ai danni dell'utility

Serve per pulire e ottimizzare il proprio computer e vanta milioni di download ogni mese, con più di 130 milioni di persone che lo utilizzano. Per questo quanto avvenuto a Ccleaner non può essere derubricato solo a un piccolo intoppo.

L'utility acquisita da Avast, marchio di un noto prodotto anti-virus, è stata compromessa dai pirati informatici e per questo la versione pubblicata lo scorso agosto potrebbe autorizzare il download di software non autorizzato e potenzialmente pericoloso per il proprio computer.

Sono gli stessi proprietari a lanciare l'allarme agli utenti, facendo capire che la minaccia può essere seria e che, per non correre rischi, aggiornare il sistema all'ultima versione è la cosa migliore da fare, per evitare ogn possibile contagio.

Con l'ultimo aggiornamento la breccia aperta dagli hacker è stata infatti chiusa e se non è noto in quanti siano stati danneggiati, Piriform - società sviluppatrice del progetto - parla di un attacco bloccato in tempo.