Rivoluzione in casa Twitter: arrivano i cinguettii da 280 caratteri

La compagnia californiana ha annunciato la fase di test che coinvolgerà per il momento un numero limitato di utenti

Rivoluzione in casa Twitter. Dopo anni di annunci, il social network ha deciso di modificare il limite dei 140 caratteri, passando esattamente al doppio, 280.

La compagnia californiana ha annunciato la fase di test che coinvolgerà per il momento un numero limitato di utenti. Il test verrà eseguito per qualche settimana in tutte le lingue tranne cinese, giapponese e coreano perché, spiegano da San Francisco, con l'utilizzo degli ideogrammi i messaggi postati sul social già contenevano circa il doppio delle informazioni rispetto a quelli scritti con caratteri alfanumerici. Secondo i calcoli di Twitter, infatti, il 9% dei tweet scritti in inglese raggiungono i 140 caratteri, contro l'appena 0,4% di quelli in giapponese.

Già dallo scorso anno Twitter aveva apportato alcune novità evitando di conteggiare i contenuti multimediali, i link o le menzioni degli utenti con cui si conversa online.

La società, con sede a San Francisco, per il secondo trimestre, ha registrato una perdita di 116 milioni di dollari (9 milioni in più rispetto ai 107 milioni persi un anno prima) e zero crescita del numero di utenti che sono rimasti a quota 328 milioni. Numeri lontani dai 2 miliardi di Facebook e dagli 800 milioni di account di Instagram. Ora, con questa nuova mossa, Twitter spera di aumentare il suo numero di utenti, attirandoli con lunghi cinguettii.