TECNOLOGIE Come viene minimizzato il dispendio di carburante

Negli oltre 20mila metri quadrati di magazzino per lo stoccaggio computerizzato degli pneumatici, fiore all’occhiello della nuova sede di Yokohama Italia, uno spazio considerevole è occupato dai prodotti riservati al settore «truck»: un vero mondo a parte, caratterizzato da logiche commerciali e tecnologie costruttive specifiche, oltre che da un target di utilizzatori preparati, in grado di valutare appieno caratteristiche e prestazioni di qualsiasi novità. Comprese quelle che promettono meno consumi e maggiore attenzione all’ambiente. «Esattamente come capita per gli pneumatici vettura, anche nel mercato truck i nuovi modelli sono oggi chiamati a essere rispettosi della natura - spiega Luigi Reggiani, direttore vendite autocarro di Yokohama Italia -: a queste esigenze rispondiamo con la gamma Zenvironment, nata con l’obiettivo di ridurre le emissioni di amidride carbonica e il dispendio di energia».
Merito, soprattutto, di una speciale tecnologia produttiva, grazie alla quale l’impasto della mescola viene lavorato a bassa temperatura. Risultato: prodotti resistenti e morbidi al contempo, che si usurano in modo uniforme e non generano resistenza al rotolamento, minimizzando così il dispendio di carburante. Un aspetto, questo, tanto più rilevante su mezzi pesanti che percorrono migliaia di chilometri a settimana. Sono due, al momento, le novità di punta della famiglia «verde» di Yokohama Truck. Il 104ZR ha un disegno di battistrada caratterizzato da cinque cordoli longitudinali che garantiscono direzionalità e tenuta, mentre le scanalature con conformazione ondulatoria assicurano un ottimo drenaggio dell’acqua, favorendo il grip.
Pensato soprattutto per le lunghe percorrenze in autostrada, invece, è l’invernale 901ZS è contraddistinto da un disegno complesso, con una fitta rete di tasselli e scanalature che permettono una trazione ottimale anche su fondi bagnati o ghiacciati.