Tedesco picchiato e rapinato

L’imprenditore, assalito da tre maghrebini in piena notte, rischia di perdere un occhio

Picchiato selvaggiamente e rapinato in strada, della città, è finito in ospedale dove rischia di perdere un occhio. Vittima un imprenditore tedesco in trasferta a Legnano, per siglare un contratto con un’azienda. Ad aggredirlo mentre stava tornando in albergo, sono stati tre maghrebini; i quali, pur di sottrargli soldi e carte di credito hanno avuto la mano pesante, al punto tale da mettere a rischio la vista dello straniero, successivamente operato con urgenza nel nosocomio cittadino. L’aggressione è avvenuta due notti fa M.F., 46 anni, venuto in Italia con un collega, aveva trascorso la serata in un ristorante, dove si era trattenuto sino a tardi. Verso l’1.30 ha lasciato il locale per tornare in albergo, sulla via per Busto, convinto che a Legnano avrebbe facilmente trovato un taxi. In realtà dopo un’inutile attesa, ed impossibilitato ad ottenere un passaggio, ha deciso di raggiungere l’hotel facendo la strada a piedi.
Mentre passava dalla via Sabotino è scattato l’agguato. Alle sue spalle sono infatti comparsi, sbucati dal buio, tre extracomunitari che subito sono passati all’azione. Due gli sono saltati addosso e l’hanno buttato a terra; il terzo uomo invece ha cominciato a colpirlo a pugni e calci anche in faccia, trasformando il viso della vittima in una maschera di sangue. Il malcapitato non ha potuto difendersi in alcun modo, subendo il violento pestaggio. Quando l’hanno finalmente tramortito, i malviventi hanno frugato nelle sue tasche sottraendogli 700 euro in contanti ed anche le due carte di credito. Dopo di che sono scappati, lasciandolo sanguinante e semisvenuto sul marciapiede.
Dopo qualche minuto l’imprenditore tedesco si è ripreso ed ha fermato un’auto chiedendo di lanciare l’allarme. È arrivata una pattuglia di carabinieri ed anche un’autolettiga del 118 che ha trasportato l’uomo in ospedale affidandolo ai medici. Nel corso della notte è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico oculistico, per rimediare ai danni provocati dai calci al volto. La prognosi fa ben sperare. Intanto i carabinieri hanno raccolto la sua denuncia; dalle foto segnaletiche mostrategli, l’imprenditore avrebbe riconosciuto almeno un paio dei tre maghrebini che lo hanno assalito. \