Tefaf di Maastricht presenta i nuovi capolavori d'arte

La nuova edizione della più grande fiera d'antiquariato e moderno presenta opere di Bellotto, Courbet e Dubuffet

«Tefaf» Maastricht, la più grande fiera d'arte e d'antiquariato del mondo, prepara la nuova edizione grazie alla qualità straordinaria di quanto espone. La 24a edizione che si terrà dal 18 al 27 Marzo 2011 a Maastricht negli spazi del MECC (Maastricht Exhibition and Congress Centre) nell'Olanda del sud, includerà tra le oltre 30.000 opere d'arte, tutte rigorosamente controllate dal comitato internazionale di esperti. Importanti oggetti d'arte di estrema rarità e recenti scoperte Tra queste citiamo l'ultimo frammento d'orologio egiziano ad acqua rimasto in mani private, un dipinto che rappresenta uno dei rari autoritratti di Bernardo Bellotto, e un bronzo di Gustave Courbet riscoperto dopo oltre un secolo dalla sua scomparsa.
Oggi la fiera offre inoltre ai giovani galleristi di talento l'opportunità di esporre per un unica edizione a «Tefaf Showcase». Le sei gallerie che hanno conquistato questa opportunità per il 2011 sono state selezionate tra 80 aspiranti e provengono dalla Francia, Regno Unito e dagli Stati Uniti.
L'introduzione nel 2010 di Tefaf Paper, la sezione dedicata a gallerie specializzate in disegni, acquerelli, stampe, fotografie, manoscritti e libri antichi, si è rivelata un vero successo e si ripeterà anche nell'edizione del 2011. Sarà rafforzata da un'importante mostra realizzata grazie al prestito del Rijksmuseum di Amsterdam «Director's Choice: The Happy Hunter».
L'ultimo Art Market Report commissionato da Tefaf sarà focalizzato su come l'arte moderna e contemporanea hanno reagito tra il 2009 e il 2011. Esaminerà anche nella sua totalità il comportamento del mercato dell'arte nel momento in cui è uscito dalla recessione globale. Tra le importanti opere d'arte a Tefaf 2011, l'ultimo frammento d'orologio egiziano ad acqua rimasto in mani private. Commissionato in Egitto da Alessandro il Grande attorno al 332-323 a.C, mostra Alessandro di fronte alla dea Hathor mentre offre del vino. Gli orologi ad acqua erano usati per misurare il tempo, al fine di assicurare che i rituali nei templi venissero eseguiti nelle ore prestabilite. Sarà in vendita nello stand della Galerie Harmakhis di Brussels per 150,000 euro. Tra gli altri capolavori, un raro ritratto di Bernardo Bellotto. «Capriccio Architettonico con Ritratto di Bellotto in abito da Nobile Veneziano» datato 1761-1767 che mostra l'artista in abito elegante, mentre tende fieramente il braccio verso i palazzi che lo circondano. L'opera sarà in mostra nello stand di Otto Naumann Ltd di New York e sarà in vendita a 8.2 milioni di euro. E ancora, «Ritratto di Gentleman», rimasto per decadi in una collezione privata, e recentemente attribuito all'artista fiammingo Michael Sweerts, è in vendita da Johnny van Haeften di Londra a 1.1 milioni di euro.
Una delle più importanti opere del primo periodo di Jean Dubuffet Dechaumage au Brabant, dipinto nel 1943, è rimasto racchiuso nelle volte di una banca per oltre 20 anni e in perfette condizioni e sarà esposto nello stand di Landau Fine Art di Montreal al prezzo di 1.5 milioni di euro.
La «Veuve» di Tamara de Lempicka è stata esposta in due importanti mostre a Parigi negli anni '20. L'opera, direttamente acquistata dall'artista nel 1925 da un collezionista, da allora è stato mostrato in pubblico solo due volte. Kunsthandel Frans Jacobs di Amsterdam lo presenterà a Tefaf e sarà in vendita attorno a 300,000 euro. Una rara scultura di Gustave Courbet riscoperta dopo oltre 130 anni. La Liberté è una forte rappresentazione della libertà ed è l'unica fusione in bronzo di quest'immagine creta da Courbet nel 1875. Sarà messa in mostra da Richard Feigen mercante d'arte di New York al prezzo di 630.000 euro. Una straordinaria coppia di bronzi in ottime condizioni e con una bella patina dello scultore rinascimentale Tiziano Aspetti di Padova rappresentanti le divinità Venere e Marte, è in vendita da Altomani & Sons di Milano a circa 150,000 euro.
Uno dei più importanti esempi di arte Gandharan della Swat Valley, il nuovo Pakistan di oggi, è una rara immagine monumentale a figura naturale di Buddha Dipamkara del III e IV secolo. Sarà in mostra da Marcel Nies Oriental Art di Anversa.