Teheran, impiccato in pubblica piazza

L'uomo era stato condannato per "banditismo, violenza carnale e altri atti di corruzione". L’esecuzione è avvenuta ieri ad Arak, 270 chilometri ad ovest di Teheran

Teheran - Un uomo è stato impiccato sulla pubblica piazza in Iran dopo essere stato condannato per "banditismo, violenza carnale e altri atti di corruzione". Lo scrive oggi l’agenzia Irna, precisando che l’esecuzione è avvenuta ieri ad Arak, 270 chilometri ad ovest di Teheran. L’uomo, Ahmad D., è salito sul patibolo sulla Piazza Farahan della città, secondo quanto riferito da Ahmad Khosravi, del centro per l’informazione della polizia della provincia. Salgono così a 229, secondo notizie di stampa, il numero delle persone giustiziate a partire dall’inizio dell’anno in Iran, dove la pena di morte è prevista per diversi reati. Tra questi l’omicidio, la rapina a mano armata, la violenza carnale, il traffico di droga, la sodomia, l’apostasia e l’adulterio.