Telecom Italia Cade in Borsa (-4,1%) colpita dalle voci di scissione di Telco

Piazza Affari torna a voltare le spalle a Telecom Italia che ricade sotto la quota di 1 euro riguadagnata con fatica la scorsa settimana. In una giornata negativa per quasi tutti i titoli del paniere principale, Telecom ha ceduto il 4,12% a 0,978 euro, poco sopra il minimo della seduta (0,975 euro). Mentre si continua a parlare del piano Caio, sul mercato si accavallano una serie di indiscrezioni: nei giorni scorsi si era parlato di una possibile fusione in vista con la spagnola Telefonica (grande socia di Telecom attraverso la cassaforte Telco) ma l’ad Franco Bernabè ha più volte smentito questa eventualità. Così ieri il mercato ha scommesso sull’esistenza di un dossier per la scissione di Telco. L’operazione sarebbe volta a favorire la creazione di un patto di sindacato fra i soci italiani confinando Telefonica a socio industriale. Il ribasso in Piazza Affari di ieri ha mandato in negativo anche la performance dell’ultimo mese per il titolo Telecom (-1%) che nell’ultimo anno ha ceduto il 27% del propria capitalizzazione. Caldo anche il fronte sindacale che, dopo l’ulteriore incontro sul piano di riorganizzazione dell’azienda di mercoledì, ha interrotto le relazioni con il gruppo. In particolare Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato per il 12 giugno uno sciopero nazionale con contemporanea manifestazione a Roma. E hanno convocato in tutte le sedi Telecom le assemblee dei lavoratori il 29 maggio per chiamarli alla mobilitazione.