Telecom Italia presto l’addio ad Alice France

da Milano

Stretta finale per la cessione di Alice France da parte di Telecom Italia: tre le offerte vincolanti giunte sul tavolo dell’amministratore delegato Franco Bernabè che ieri si è augurato di chiudere «presto» la partita. Intanto Telecom ha completato in un solo giorno il collocamento di un bond a lungo termine da due miliardi di dollari negli Stati Uniti. È un altro passo del piano «senza fuochi d’artificio», ma imperniato su obiettivi «realistici», che Bernabè ha prospettato al mercato lo scorso marzo: come crescere nei settori adiacenti, puntare all’efficienza e sviluppare collaborazioni. Possibile anche qualche ritocco alla squadra. L’emissione obbligazionaria è un’operazione progettata senza fretta nell’ambito del processo di rifinanziamento del debito e il mercato americano è sembrato quello più adatto al direttore finanziario Enrico Parazzini. Il prestito è stato ripartito in due tranche, di cui una a 10 anni e una a 30 anni (tasso fisso con cedola del 6,99% e del 7,72%). «Abbiamo una certa flessibilità, non eravamo obbligati a farlo, non c’erano scadenze particolari», ha detto Parazzini. Il manager ha incontrato investitori da una costa all’altra degli Stati Uniti. Intanto il presidente di Telecom Gabriele Galateri ha comprato sul mercato azioni del gruppo per 350mila euro.